In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

I gay e il Papa

 

papa-francesco
Perché esultare per le recenti dichiarazioni di Francesco, in fondo è solo un po’ di polvere negli occhi per nascondere uno schema biopolitico e consolidare il binarismo di genere.




 

Leggendo quanto l'attuale Papa ha affermato, in merito alla questione dei Gay, andrebbero sottolineate due cose:
a) Lui parla di quelle persone che sono "brave" persone, ovvero che vogliono purificarsi, ovvero che sottostanno al dettato della "chiesa";
b) La questione delle lobby come centro di potere.

Cosa ci sia tanto da esultare, non lo so! Ovvero, lo so! La demagogia impera a vantaggio di chi è sempre più impegnato ad enfatizzare per il suo schema biopolitico il binarismo di genere ed il diversismo generale.femminicidio
Ma a quanto pare, ai gestori della rappresentanza omosessuale, il programma di annullamento del diritto della persona sembra piacere, è da loro condiviso sotto ogni aspetto culturale, sociale, politico ed economico, con il coro dei "seguaci" ignavi che attendono dalla mano dei loro guru l'arrivo di qualche briciola.

Del resto la strategia che porta al massacro di genere continua, culturalmente nel linguaggio delle donne verso le donne, linguaggio che discrimina ed accusa, fondato su un moralismo maschilista e la peggiore concezione normalizzante; continua nel massacro fisico del femminicidio discriminante che tace la morte di una donna transessuale uccisa. 
Il silenzio, sì, un silenzio che grida giustizia, ma quella vera, non la vendetta, ma la giustizia, quella che impedisce all'ingiustizia di compiersi.

Forse sto girando per questo mondo con una lanterna a cercare dove siano le persone, quelle che sono consapevoli nella loro autodeterminazione, per vedere se la loro indignazione esiste ancora, per vedere se ancora c'è chi pensa che la giustizia non sia solo una parola.
Darianna Saccomani



Share
Venerdi, 22 Settembre 2017 15:38:06

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin