In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: il Cinema per difendere i loro diritti

 

weworld-film-festivalap

Dal 25 al 27 novembre all’UniCredit Pavilion di Milano si terrà la settima WeWorld Film Festival la rassegna cinematografica sui diritti delle Donne. 








 

In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne rinnova l’appuntamento – dal 25 al 27 Novembre all’UniCredit Pavilion di Milano – con il WeWorld Film Festival, l’iniziativa nata con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza sulla condizione femminile in contesti difficili utilizzando un linguaggio immediato e coinvolgente come quello cinematografico.

La settima edizione della rassegna cinematografica avrà come parola chiave: donne straordinarie. La nostra battaglia nella difesa dei diritti delle donne passa dal racconto di storie di donne e madri straordinarie, che possano diventare un esempio per le altre.

WeWorld Film Festival attraverso film in anteprima, spettacoli teatrali, musica e talk racconta il ruolo delle donne nella società contemporanea, dal Nord al Sud del Mondo: storie di coraggio, determinazione, capacità di reagire, forza d’animo e spesso di violenza.

In Italia 1 donna su 3 è stata vittima di violenza. Quando sentiamo notizie riguardanti la violenza sulle donne siamo portati a pensare che non capiterà mai a noi o alle persone che conosciamo, ma la violenza è molto più vicina di quanto pensiamo. Ogni 3 giorni una donna viene uccisa dal partner, dall’ex o da un familiare. Ogni anno, sono oltre 6 milioni le donne che subiscono violenza. Solo poco più dell’11% delle vittime però denuncia il proprio aggressore.
Nasce così la campagna “#Potreiessereio”, sostenuta da Ferrovie dello Stato, per ricordare che la violenza sia molto più vicina di quanto si pensi. Tante Ambassador hanno prestato il loro volto per dare un messaggio semplice quanto forte: chiunque potrebbe subire una violenza. Per questo tutti insieme dobbiamo combatterla.


                       banner-wwff


Si inizia venerdì 25 novembre con la proiezione in anteprima assoluta per l’Italia di Vidas partidas” (Brasile 2016), regia di Marco Schechtman: dietro una famiglia all’apparenza perfetta si cela un’ombra, dove si consumano gli orrori della violenza domestica.
Prima della proiezione del film verranno consegnati i Premi WeWorld, un riconoscimento per artisti e intellettuali che con la loro arte o il loro operato hanno difeso i diritti delle donne. Tra i premiati delle passate edizioni: Maria Grazia Cucinotta, Francesca Archibugi, Euridice Axen, Simonetta Agnello Hornby, Alex Britti, Fabio lovino, Francesca Senette, Giulia Elettra Gorietti, Rossella Brescia, Lucia Annibali, Cecilia Peck. Sarà anche l’occasione per consegnare il Premio Reset Diritti Umani. Presenterà la serata Sara Zambotti.

 

Tre giornate ricche di appuntamenti aperti al pubblico e gratuiti per uno sguardo sul mondo delle donne attraverso linguaggi e modalità differenti: proiezioni cinematografiche in anteprima nazionale, talk, spettacoli teatrali, musica e tanti momenti di incontro.

Per saperne di più, consultate il sito della manifestazione.


Il WeWorld Film Festival rientra nel programma nazionale di WeWorld di contrasto alla violenza sulle donne che vede in prevenzione e sensibilizzazione i due assi portanti dell’intervento. Accanto a queste anche l’azione sul campo, che include i centri SoStegno Donna aperti H24 all’interno di 3 Pronto Soccorso (Roma e Trieste) e gli Spazi WeWorld per le Donne presenti a Napoli (San Lorenzo e Scampia), a Palermo (Zen e Borgo Vecchio) e a Roma (San Basilio), nati con l’obiettivo di far emergere il sommerso in quartieri difficili dove molto spesso la violenza sulle donne è talmente diffusa da essere non solo giustificata ma nemmeno percepita persino dalle donne che la subiscono. In questi ultimi centri ci rivolgiamo a donne con vissuti difficili dove le accogliamo insieme ai loro bambini, a cui rivolgiamo spazi dedicati per far emergere le situazioni più difficili anche attraverso l’osservazione del gioco.

 

 

 

Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Venerdi, 22 Settembre 2017 15:30:53

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin