In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

23 gennaio: tutti in piazza per le unioni civili

 

svegliati-apertura

In tante città italiane si terranno manifestazioni organizzate dalla comunità Lgbt a sostegno del DDL Cirinnà. Ma per i diritti dovrebbero esserci tutti: #SvegliatiItalia






 

Il 23 gennaio saremo in tanti a sostenere il DDL Cirinnà sulle unioni civili che sarà discusso al Senato dal 26 gennaio. La comunità Lgbt si è mobilitata e le bandiere rainbow sventoleranno in molte città italiane.

Ma questa battaglia non dovrebbe coinvolgere solo le persone Lgbt. Come per il divorzio e l’aborto o le altre battaglie per i diritti civili, in piazza dovrebbero esserci tutte le persone che credono che i dritti siano uguali per tutti, senza distinzioni.
Non a caso, infatti, lo slogan scelto per la manifestazione è :#SvegliatItalia con l’hastag per la diffusione virale sui Social.


L’Italia è uno dei pochi Paesi europei che non prevede alcun riconoscimento giuridico per le coppie dello stesso sesso. Le persone gay e lesbiche, ma anche bisessuali e transessuali non godono delle stesse opportunità degli altri cittadini italiani pur pagando le tasse come tutti. Una discriminazione inaccettabile e ingiusta.

Il DDL Cirinnà viene contestato aspramente da una parte della Comunità Lgbt perché ritenuto una mediazione al ribasso in quanto non parla di “matrimonio” ma solo di unioni civili. E poi vi è lo spinoso caso della stepchild adoption -ovvero della possibilità da parte di uno dei componenti della coppia di adottare il figlio del partner- modificato in “affido rafforzato” che dovrebbe evitare le pratiche di “utero in affitto”.

Il risultato dopo anni di discussioni e tentativi di redigere una legge semplice, come è accaduto nella maggior parte dei Paesi europei, è un DDL pasticciato e che non soddisfa nessuno.

Però, io sono convinta, che sia di vitale importanza per l’Italia approvare questa legge che, seppure incompleta, mette un punto fermo: le coppie dello stesso sesso sono riconosciute dallo Stato.

Una volta ottenuto questo importante riconoscimento ricominceremo a lottare per tutto quello che manca.

In calce vi è l’elenco aggiornato al 13 gennaio dei punti di ritrovo nelle città italiane dove è prevista una manifestazione. Per aggiornamenti e ulteriori informazioni vi consiglio di visitare il sito di Arcigay quello di Anddos oppure vistare la pagina Facebook dedicata all'evento.
Io ci sarò, noi ci saremo e voi?
MZ


                                      svegliati


#SVEGLIATI ITALIA PUNTI DI RITROVO


ANDRIA (Bat): 23 gennaio, ore 19.30 (luogo da definire)
ANCONA: 23 gennaio, ore 16.30, (luogo da definire)
AOSTA: 23 gennaio, ore 15.00, Piazza Emile Chanoux
ASTI: 23 gennaio, ore 10.30 Piazza San Secondo
CASERTA: 23 gennaio, ore 17.30 (luogo da definire) 
CATANIA: 23 gennaio, ore 18.30, Piazza Stesicoro 
CREMONA: 23 gennaio ore 15.30, Piazza Roma (zona Pagoda) 
FOGGIA: 23 gennaio ore 17.00, Corso Vittorio Emanuele 
GENOVA: 23 gennaio (luogo e orario da definire) 
LUCCA 23 gennaio ore 15.00 piazza San Michele
MILANO: 23 gennaio ore 15.00, Piazza della Scala
MODENA, 23 gennaio ore 16, (luogo da definire) 
NAPOLI, 23 gennaio ore 16 (Luogo in fase di definizione) 
NOVARA: 23 gennaio, ore 15.30 (piazza da definire) 
PAVIA: 23 gennaio ore 15.30, Piazza Della Vittoria 
PERUGIA: 23 gennaio ore 15.30, Piazza Italia 
REGGIO EMILIA: 23 gennaio ore 16, piazza Martiri del 7 Luglio 
ROMA: 23 gennaio, ore 15 al Pantheon
SIRACUSA: 23 gennaio ore 21, Largo 25 Luglio (tempio di Apollo) 
TARANTO: 23 gennaio ore 20, piazza Maria Immacolata 
TRIESTE: 23 gennaio ore 15.00, (luogo da definire) 
VARESE: 23 gennaio, ore 15.00, (luogo da definire) 
VERCELLI: 23 gennaio ore 15:00, piazza Cavour 


A queste manifestazioni si aggiungerà il presidio già confermato dalle principali associazioni Lgbt italiane che si terrà dalle 14:00 del 26 gennaio alle 14:00 del 28 gennaio, le due giornate in cui il DDL Cirinnà, come previsto dal calendario, sarà al Senato. Ci si ritroverà tutti in quei giorni in Piazza delle Cinque Lune a Roma, davanti al Senato.

                                           sveglia

 

Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Venerdi, 22 Settembre 2017 15:31:25

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin