In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Lista di nozze

 

listadinozze logo


Dal 14 aprile inizia su Youtube una webserie che affronta in modo ironico e divertente il tema dei matrimoni gay in Italia.  Sono 12 episodi in tutto.





 

Dal 14 aprile inizierà Lista di nozze, una webserie che affronta in modo ironico e divertente il tema dei matrimoni gay in Italia. Si tratta di 12 episodi, con cadenza settimanale, che propongono le avventure di Arnaldo e Leone, freschi titolari di un negozio di liste di nozze e innamorati pazzi. Quindi una coppia gay che si ama. Anche se è ben lontana dall’essere una coppia perfetta. Servizi in cristallo di Boemia, robot multifunzione, candelieri in sterling silver,  set di valigie in cuoio glacé, luna di miele spacchettata in quote… insomma la moderna oggettistica dell’amore che fa bella mostra di sé nei tanti negozi di liste di nozze sparsi per l’Italia. E a farsene carico è il solito circo che ruota attorno agli sposi: testimoni di nozze, suoceri, parenti, amici, condomini, conoscenti di palestra, compagni di banco, persino vicini di culla. Un perfetto gioco delle parti insomma dove tutti però, a prescindere dal ruolo assegnato, vogliono la medesima cosa: risparmiare e figurare!

Lista di nozze è di un progetto seriale indipendente e low budget che è stato realizzato grazie ad un crowdfunding lanciatoarnaldoleo più di un anno fa sulla piattaforma Produzionidalbasso e ad un contributo messo a disposizione dal Nuovo Imaie attraverso i fondi ex art. 7 L. 93/92.

Gli ideatori del progetto sono Paola Ducci e Francesco Calella, alla regia Gaetano Maffia, mentre i protagonisti sono interpretati da Alessandro Bergallo e Matteo Milani. Il cast è inoltre composto da Donatella Barbagallo e Giovanni Bussi in qualità di coprotagonisti e ancora da Vincenzo De Luca, Emiliana Franzone, Piero Piccinin, Alessandro Barbini, Paolo Ricci, Lucia Ciardo, Marco Giandomenico, Giorgia Guerra, Barbara Abbondanza, Pietro Pace, Claudia Campagnola, Cristina Golotta, Giacomo Rosselli, Serafino Iorli, Carlotta Piraino e Patrizia Bollini.

Le scenografie sono di Luigi Romano e Dario Di Blasi, le musiche di Gianluca Bacconi e Sergio Lepidio, la fotografia di Nicolò Cappuccilli, i costumi di Gaetano Impallomeni, il trucco di Barbara Salmaso, il montaggio di Luca Luconi, le animazioni e gli effetti speciali di Massimo Damiani, i disegni di Clelia Catalano, il suono di Alessandro Di Maio, la postproduzione di Enrico Munarini, ufficio stampa Donkey Eventi e comunicazione di Barbara Serio, web marketer Pasquale Convertino CreaWebOnLine.

 

E non aggiungo altro, in fondo manca poco al 14 aprile, quando su Youtube verrà messo in onda il primo episodio.
S
e desiderate saperne di più date un’occhiata al trailer o alla pagina Facebook.
.

 

 

 

La “banda” di Lista di nozze

 

Alessandro Bergallo (protagonista)
Attore cabarettista ed autore, ha mosso i primi passi col gruppo genovese "I cavalli marci" e poi con "i Quellilì", divenuto famoso per il tormentone “Grazie, signore, Grazie”. Ha preso parte a molte trasmissioni televisive fra cui "Zelig", "Bulldozer", "Colorado Cafè", "Tribbù", "Copernico" e alle sitcom "Andata e ritorno" e "Camera cafè". E non si fa mancare le incursioni nel cinema: ha recitato in "500" di Giovanni Robbiano, in "La seconda volta non si scorda mai" di Francesco Ranieri Martinotti ed in "Fuga dal call center" di Federico Rizzo. Collabora da anni in qualità di attore ed autore col "Teatro Stabile della Tosse" di Genova.

Dice del progetto: “Per la mia attitudine ad un certo relativismo mentale, e grazie al fatto che alcuni fra i miei più cari amici e amiche sono gay e lesbiche non ho mai vissuto come un problema il fatto che su questo pianeta esistano diversi gusti sessuali, credo fermamente che il concetto di diversità o di normalità sia solo una questione culturale,  e ritengo che taluni diritti elementari non andrebbero nemmeno sottoposti ad alcuna discussione o votazione ma semplicemente riconosciuti nella arnaldoleoinchiesamaniera più celere possibile, non so se mi spiego! Se fossi gay mi piacerebbe poter dire non “sono unito o mi unirò civilmente” ma semmai sono sposato o mi sposerò con tutti gli annessi e connessi. Con “Lista di nozze” il nostro intento è stato quello di creare una sitcom divertente, brillante, che annulli le differenze fra i generi,  e che soprattutto, al di la di alcune tematiche, consenta anche alle coppie etero di identificarsi in Arnaldo e Leo”.

 

Matteo Milani (protagonista)
Ha lavorato prevalentemente in teatro con registi come Gigi Proietti, Loredana Scaramella, Carlo Fineschi, Daniele Salvo, Vanessa Gasbarri, Giancarlo Fares. Da tre stagioni collabora stabilmente col Silvano Toti Globe Theatre di Roma.
Ha preso parte inoltre ad alcuni spot quali "Green Network luce e gas" con Gigi Proietti e "TLP Photosì" con Alessia Marcuzzi ed è il protagonista degli spot web per "Camera service lab".

Dice del progetto: “Fra i due protagonisti, Arnaldo e Leone, c'è un conflitto continuo che sfocia puntualmente nel battibecco e nella provocazione. La risoluzione sta nella cosa più semplice, l'amore: i due si amano, di un amore che presuppone innanzitutto l'accettazione dell'altro, la ricerca del compromesso sano di due persone che hanno scelto di stare insieme. Questo elemento è stato determinante per lo studio di Leone, del personaggio che interpreto, e anche l'aspetto più difficile. Amare scenicamente (uomo o donna che sia) è sublime e complicato, come nella vita”.

 

Gaetano Maffia (regista)
Diplomato in regia alla "Civica Scuola del Cinema" di Milano, ha lavorato come assistente alla regia per i film "Chiedimi se sono felice" e "La leggenda di Al, John e Jack" con Aldo Giovanni & Giacomo e per la serie "Benedetti dal Signore" con Ezio Greggio ed Enzo Jacchetti. Per Vasco Rossi ha diretto un videoclip all’interno del dvd  "Buoni o Cattivi". E’ stato regista di alcuni spot televisivi e documentari fra cui "Uomini in mare" sui marinai e "Via  Novara 523" su una comunità rom di Milano.

Dice del progetto: “E finalmente Arnaldo e Leo. Come si fa a non voler bene a questi due personaggi e a tutti gli altri intorno a loro. Litigano e poi fanno pace e poi litigano di nuovo, ma trovano sempre un punto di incontro come tutte le coppie che si amano, impegnate nel costruire insieme il proprio futuro.  E dove se non sul web, un luogo effervescente e democratico. Girare "Lista di nozze" e stata per me un'esperienza sentimentale, umana e professionale a cui io e tutto il gruppo di lavoro abbiamo regalato dedizione e amore. Arnaldo, Leo, tifiamo per voi e speriamo con voi di vedere presto realizzato il vostro sogno di matrimonio”.
 

Paola Ducci (autrice)
Scrittrice, sceneggiatrice ed anche docente, fra le altre cose ha sceneggiato la serie di cartoni animati “Gurugù” (RAI3) e ha co-sceneggiato il film tv “Così come la vita” (Canale5). Ha pubblicato due raccolte di racconti - “Il crudele si vende bene” e “Non avevo  detto  che  sarei rimasta fino alla fine” con "Il caso e Il vento edizioni" ed  il romanzo noir  “Charlotte sometimes” per "Cult- Barbès Editore".

Dice del progetto: “Le tv generaliste producono fiction in cui da decenni è presente il classico personaggio gay, talvolta macchiettistico, talvolta meno. In genere i personaggi gay sono rappresentati nello stereotipo del bizzarro creativo simpatico, le lesbiche sono in genere caratteri tormentati o drammaticamente gelosi. A ripetere all’infinito il preconcetto, anche qui, della differenza  di genere. Ma pensare (e produrre) una serie i cui protagonisti sono una coppia omosessuale significa dare a questa coppia, e alla famiglia omossessuale di conseguenza, lo status di realtà, di rappresentazione oggettiva  del paese in cui viviamo e la tv evidentemente non è in grado di percepire questo cambiamento, visto che tale realtà è già ampiamente inserita nel tessuto sociale e culturale del nostro paese. Oppure, più semplicemente, la tv generalista si rivolge a un pubblico che si ritiene, ma io non lo credo affatto, non possa integrare questa condizione nel proprio vissuto”.

 

Francesco Calella (autore)
Sceneggiatore e storyeditor, ha lavorato per i progetti di fiction "Nati ieri" (Canale 5), "Capri 3 "(Rai1) e come autore televisivo per i programmi "Mixitalia" (Rai1) ed "Il sesto senso" (Rai3).

Dice del progetto: “Noi Lista di nozze non solo ce lo siamo scritta, ma ce lo siamo anche realizza. Perché? Perché i tempi di risposta di produttori e reti sono biblici. Perché tanto i progetti che alla fine passano il turno raccontano sempre le solite storie, propinano sempre le solite facce, impongono sempre i soliti nomi. E perché crediamo sia giunto il momento di fare da noi”.




 

Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Lunedi, 25 Settembre 2017 22:55:28

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin