In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Omofobia: due ragazzi gay aggrediti a Rovigo

 

nicola-pizzamigliook

Nicola Pizzamiglio, Presidente Politropia Arcigay Rovigo, interviene sull’aggressione avvenuta lo scorso week end nella città veneta. 







Nicola Pizzamiglio, Presidente Politropia Arcigay Rovigo, ci ha inviato il suo intervento sull’aggressione avvenuta lo scorso week a Rovigo, ve lo proponiamo integralmente.

 

Quello che è accaduto nel fine settimana alla coppia di ragazzi gay in Corso del Popolo è gravissimo e inaccettabile. Essere aggrediti verbalmente e poi anche fisicamente semplicemente perché si è deciso di vivere liberamente la propria vita, senza nascondersi e senza paure è qualcosa che ai giorni nostri non dovrebbe accadere mai a nessuno.  

A questi ragazzi va tutta la nostra vicinanza e solidarietà per quanto accaduto, ma anche l'augurio che non demordano e continuino a vivere il proprio amore alla luce del sole e felicemente.

L'ignoranza, l'odio e la paura non possono e non devono vincere. L'omofobia esiste non si può negare, soprattutto di fronte a questi fatti e tali crimini d'odio vanno fermati e anche condannati.

L'amministrazione locale del tutto assente su questi temi negli ultimi anni e chiusa al dialogo non ha certo aiutato il clima diomofobiarispetto per gli altri che tutti ci aspettiamo in una Rovigo moderna e civile.

Noi siamo dalla parte di questi ragazzi, dalla parte della libertà e dell'amore, siamo contro la violenza, la prevaricazione e l'omofobia: perché così si chiama quando non sei libero di baciare o tenere per mano il tuo ragazzo altrimenti ti prendono a botte e insulti. Non è un'opinione l'omofobia, è discriminazione e odio, non è tollerabile a nessun livello.

Ovviamente come tutti speriamo che il colpevole venga definitivamente identificato e che le telecamere sul Corso servano anche per questo, almeno per rendere giustizia in qualche modo alla coppia.

Tutti i cittadini hanno diritto di sentire che lo Stato è dalla loro parte quando subiscono una discriminazione o una violenza, questo in Italia non esiste ancora per le persone LGBT ed è altrettanto scandaloso.

Manca meno di un mese alla Giornata Mondiale contro l’omofobia e certamente qui a Rovigo non ce ne staremo in silenzio, saremo in Piazza contro l’omofobia anche per questi due ragazzi, perché l’omofobia si combatte con l’informazione e con la visibilità di tutte e tutti noi persone LGBT (oltre che con le leggi).

Speriamo di tirare fuori il meglio da questa città, lasciando indietro oscurantismo e oppressione.





Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Mercoledi, 22 Novembre 2017 02:04:04

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin