In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Un altro suicidio

 

people-Lgbtqi-ok
E intanto i politicanti continuano a parlare….
Eppure basterebbe imboccare la strada del Diritto della Persona...




Il Papa fa proclami che vengono subito riveduti e corretti, Renzi annuncia le unioni civili che vengono subito attaccate e ridimensionate dagli alleati del Governo….
… e intanto le persone continuano a morire. Ieri sera un altro ragazzo omosessuale si è suicidato a Roma lanciandosi da una finestra. Ci aveva già provato ma lo mamma era riuscita a fermarlo.
E poi la disperazione, la solitudine, quel sentirsi diverso dagli altri, quell’essere additato, magari deriso ed emarginato…. E lui non ce l’ha fatta.

Io vorrei guadare negli occhi tutti quei politici, e non mi importa il colore della loro bandiera, che hanno votato contro, o non hanno nemmeno ritenuto di dover votare, la legge contro l’omo/transfobia e chiedere loro se non si vergognano, se non provano nemmeno un po’ di disagio per aver bloccato ancora una volta quella legge.

So già la loro risposta: l’omo/transfobia non si blocca con una legge.

Concordo signori politicanti -non meritate il nobile appellativo di politici-, ma sicuramente aiuta.
Sicuramente aiuta in un Paese dove non si prova nemmeno a rispettare l’altro-diverso da noi e questo vale per omosessuali, transessuali, immigrati, disabili e… donne.

E sì cari politicanti perché io sono convinta che in Italia non si rispettino per nulla nemmeno le donne. Ci si riempie la bocca con tante belle parole ma poi nel concreto non si fa nulla. Faccio un esempio che vale per tutti: i politicanti cianciano sempre di famiglia, ma poi le donne non possono decidere serenamente di avere un figlio perché lo Stato garantisce questo diritto al minimo sindacale o per nulla.

E allora? Allora sono davvero stanca di vivere in un Paese dove il Diritto della Persona viene calpestato sempre, e nel modo più subdolo: con un sorriso e con tante vuote parole.

Succede quando una donna viene violentata o uccisa, quando un omo/transessuale viene picchiato/ucciso o si suicida, quando un migrante muore o viene rinchiuso in un CIE.

Tutti parlano, fanno declami, si riempiono la bocca e poi tutto cade nel dimenticatoio.

Oggi accadrà ancora: i giornali ne parleranno i politicanti faranno qualche dichiarazione e intanto un altro ragazzo è morto.

Eppure la strada da seguire è così semplice che mi meraviglio che nessuno la voglia seguire: il Diritto della Persona. E queste tre semplici parole “Diritto della Persona” racchiudo un vera e grande rivoluzione culturale. Già perché mettere al centro il Diritto della persona significa iniziare a pensare la nostra vita e il sistema Stato in un modo completante diverso, significa mettere al centro la Persona e non i privilegi delle varie caste.

Pensateci, sembra difficile ma in realtà non lo è.
Marinella

 

 



Share

Commenti   

 
#2 Marinella 2014-01-07 10:30
Renz, le tue parole si commentano da sole.
Non aggiungerò altro.
Marinella
Citazione
 
 
#1 RENZ 2014-01-06 18:40
"mettere al centro il Diritto della persona, significa mettere al centro la Persona e non i privilegi delle varie caste." Giusto. Compresi i privilegi dei gay super-integrati economicamente e culturalmente dominanti, che cavalcano benissimo l'onda.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Venerdi, 22 Settembre 2017 15:37:25

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin