In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Diritto o Gorgonzola?

 

B.Obama
Occorre impegnarsi per il rispetto del Diritto
o bisogna dimenticare con una bella overdose di Gorgonzola?




Dedico questi miei brevi pensieri alla mia amica Darianna Saccomani


Non mi starò a dilungare sui dettagli delle notizie che stamani ci arrivano. Ne darò solo un breve elenco...

♦ In Campania, tra le province di Napoli e Caserta, venivano sepolti rifiuti tossici provenienti da tutta Europa oltreché dall'Italia.
♦ Il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri decide di "salvare" dal carcere Giulia Ligresti per gravi motivi di salute.

♦ Nel PD, a poche settimane del congresso, si scoprono decine di tesseramenti "farlocchi".

♦ Mentre droni U.S.A. volano sullo Stato del Pakistan -come già era accaduto qualche settimana fa nello Yemen- e sparano uccidendo.

♦ E per concludere, a Palermo, un uomo ha chiuso la testa di sua sorella disabile in un sacchetto di plastica per ucciderla, come lei gli aveva chiesto, e poi si è suicidato gettandosi dal sesto piano...

E così ne potreste trovare altre decine... di migliaia.

Gorgonzola
E mentre il Diritto -sia della persona sia degli Stati- muore, sulla pagina di un quotidiano campeggia oggi una splendida pubblicità che dice "GUSTI IL GORGONZOLA E DIMENTICHI LO SPREAD, E ANCHE L'IMU E LA TARSI, E..."

 

Già, e allora per dimenticare i rifiuti tossici che ci uccideranno, useremo un bel pezzo di Taleggio?
Dov'è lo Stato italiano? Perché il nostro esercito non è operativo insieme alla protezione civile per estrarre dal terreno questi veleni che uccideranno inevitabilmente la popolazione, con tumori e altre patologie negli anni a venire?

E per dimenticare le azioni "integerrime" del nostro molto "onorevole" Guardasigilli, un bel pezzo di Bufala?
Già, e perché i vari Enzo Cucchi e decine di altri, morti in situazioni perlomeno "simili", non hanno suscitato l'interesse umanitario della ministra?
E per dimenticare gli imbrogli del principale partito della Sinistra (ma quale Sinistra?) un bel pezzo di Caciocavallo?
Ma con quale faccia questi signori chiedono ancora il nostro voto? Perché dovrei giudicarli migliori di Berlusconi con i quali hanno, invece, in comune un'assoluta immoralità? Condividono la truffa e il Potere, i privilegi e la collusione?
E per dimenticare le azioni autoritarie e violente del caro Mister Obama, che ormai con i suoi Droni spadroneggia sui cieli di Stati sovrani, uccidendo in nome della sicurezza nazionale del suo Stato... pensate che un bel pezzo di Stracchino potrebbe andare?

E, infine, per dimenticare la disperazione di quell'ex bancario di Palermo che si è visto costretto a uccidere sua sorella disabile in modo tanto inumano -con ciò di cui disponeva, un sacchetto di plastica... legandole le braccia alla poltroncina per impedirle reazioni automatiche di sopravvivenza [sì, vi sto dando anche i particolari, perché li abbiate ben chiari davanti a voi...]- e poi si è suicidato gettandosi dalla finestra del suo appartamento per finire spiaccicato sull'asfalto sei piani più i basso... per dimenticare questo "fatto" vi basterà una forma di caciotta senese o forse sarebbe più efficace un bel pezzo di Pecorino DOP?????????

 

E queste solo solo una manciata di notizie raccolte tra ieri ed oggi, e che quindi non vi parlano del giovane omosessuale suicida perché massacrato dall'omofobia di una città come Roma, la degna capitale di quest'itaglietta.
Non c'è menzione neppure di Vittoria, giovane donna transessuale, che ha scelto anche lei la via del suicidio (e chiamiamola "scelta"...) negandosi così anche una minima speranza...

 

Ma dov'è finito il Diritto?
Com'è ancora possibile parlare di Giustizia e di Legalità su questo decomposto Pianeta Blu?

Dice una mia cara, cara amica: i nodi vengono sempre al pettine.
Lo diceva anche la mia nonna, ma lei -ai suoi tempi- poteva ancora crederlo.
Oggi no.
diritto

Io sono una signora di mezza età, ma non riesco a rassegnarmi, ad attendere con fiducia. No... Reagisco nel solo modo che mi è consentito: scrivo. Scrivo cercando di suscitare una reazione nei giovani che mi sono accanto, che sono stati allevati a Merendine del Mulino Bianco e Tv-spazzatura, ma... temo che a questo degrado si possa porre termine solo in un modo.

 

Sia la Bibbia che i libri delle più antiche civiltà -sumere, olmeche, ecc. - parlano di un Diluvio che cancellò la vita sul pianeta, ma qualcuno sopravvisse... E la storia ricominciò. Continuò per secoli prima di incancrenirsi sino a come è oggi.

Oggi parlare della necessità di un'Apocalisse -la necessità di una nuova Apocalisse- scatenerà in molti un sorriso ironico. Ma è davvero il caso di usare dell'ironia? Oppure è il caso di farsi un'overdose di formaggi per dimenticare le tragedie alle quali assistiamo ormai senza soluzione di continuità?
O noi possiamo fare altro?

 

Noi dobbiamo superare la mera sfera egoistica che ci contraddistingue come Specie umana, rispetto al resto degli esseri che popolano questo Pianeta Blu.

Come possono i giovani di oggi chiedere un futuro, pensare di farsi una famiglia, mettere al mondo dei figli, protestare per la disoccupazione o la mancanza di alloggi... di fronte alla notizia che un essere umano ha scientemente scelto il suicidio?

Il suicidio, la soppressione di sé... e poi il nulla, il silenzio assordante del non essere che diventa comunque preferibile per tanti, troppi.

 

Non può esserci né rassegnazione né possiamo volgere lo sguardo da un'altra parte.
Gli esistenzialisti dello scorso secolo, in Francia soprattutto, chiamavano gli intellettuali e la gente comune all'engagement...

Io oggi posso solo ricordarvi quel "richiamo all'impegno", e chiedervi di impegnarvi civilmente per il Diritto, il Diritto Soggettivo della Persona.
Perché vivere è un tuo Diritto.

Senza rassegnazione né egoismi di clan: il Diritto di vivere è il Diritto.

Flaminia P. Mancinelli

 


Share

Commenti   

 
#1 Darianna 2013-11-02 19:41
Grazie della dedica ...
No! Sicuramente non è il tempo di farsi overdose di formaggi! Semmai è il tempo dell'attesa, l'attesa che si esca dal conformismo e si vada verso ciò che non è più conforme. Il diritto soggettivo della persona è l'affermazione della difformità di ogni soggetto, individuo, persona.
In attesa, quindi, operiamo, sciviamo, costruiamo ... come i vari "Noè" della storia, prepariamo l'arca ...
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sabato, 23 Settembre 2017 04:06:31

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin