In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

La tragedia di Lampedusa è solo la punta di un iceberg

Madagascar
Mentre chiniamo la testa di fronte ai morti dell'ennesima tragedia della migrazione, l'Umanità dei privilegiati continua a uccidere.



 

Non mi permetto di entrare nel merito di un giudizio che, per le notizie frammentarie e ancora non confermate in toto, rischierebbe di essere avventato. Ma vorrei fermare l'attenzione su una notizia passata in secondo piano di fronte alla vergognosa tragedia di Lampedusa.

Le agenzie e le testate giornalistiche (in capo la BBC inglese) riferiscono che in Madagascar sono stati linciati dalla folla tre stranieri. La nazionalità di questi uomini è ancora incerta, si parla al momento di un francese e di un italo-francese.

I tre sono stati uccisi perché ritenuti colpevoli dell'omicidio di un bambino di otto anni, ucciso per i suoi organi, perché questo "richiedeva" il traffico d'organi nel quale gli stranieri erano, sembra, coinvolti.

E possiamo ancora definire con orgoglio la nostra specie "umana", quando questo termine assume valore di merito, spesso contrapposto ad "animale"...

Facciamolo se ancora ne abbiamo voglia e coraggio.

Io non ho mai saputo di "animali" autori di simili atrocità.

 

bloodbath in madagascar
Ora siamo tutti presi nel lutto nazionale, nel pianto del coccodrillo per le vittime di Lampedusa, e intanto continuiamo a massacrare tutti coloro che non appartengono al target di Occidentali.

Dall'epoca del colonialismo -(che sembra remoto, ma è appena dietro l'angolo), quando i conquistadores spagnoli devastarono e trucidarono il "nuovo Mondo" e le sue popolazioni, complice l'evangelizzazione messa in atto dalla Chiesa di Roma, - passando per tutti gli step della speculazione da parte delle nazioni europee di territori, persone e risorse, quella che qualcuno definisce Umanità ha violato ogni minima etica in vista di un possibile profitto.


Oggi se qualcuno ricorda la tratta dei negri dall'Africa o lo sfruttamento delle preziose materie prime di quei territori, lo fa giustificandosi con la distanza dal tempo presente.

Una giustificazione falsa e meschina perché quello sfruttamento continua, e se l'orrore e la violenza possono ricevere una misura, in forme e modalità persino peggiori.

In Africa la nostra esigenza di materie prime per il funzionamento di tecnologie (tipo quelle dei cellulari) spinge Persone nei buchi della Terra a estrarre, a rischio della vita, sostanze pericolose e nocive... ancora adesso, mentre io ne scrivo.

Ma...

Ma non contenta l'umanità civile e democratica ha pensato bene di sfruttare anche l'ultima risorsa di quelle persone: i loro corpi, alimentando un fiorente commercio di organi per permettere ad altri una vita che a loro è negata.

 

Ma cosa siamo?
Ma come possiamo ancora ritenere etico e sopportabile il Sistema nel quale viviamo in questo 2013.

Ricordatevene, vi prego, quando la commozione per la tragedia di Lampedusa inizierà ad affievolirsi e tutti noi ricadremo nell'indifferenza delle nostre esistenze grige ed egoiste. Quanto accaduto a coloro che sono morti in mare in questi giorni è organ-trafficking
solo la punta dell'iceberg ma sotto, nelle profondità marine, ci sono milioni di storie di dolore e morte di nostri simili che noi lasciamo accadano per sfoggiare agli amici l'ultimo modello di smartphone, una preziosa vera di diamanti.

 

E neppure salvare il proprio figlio da una morte certa può giustificare l'assassinio di un piccolo bambino nero, assolutamente no.

Il diritto di quel bambino nero è calpestato dal mio semplice camminare di oggi: è sullo sfruttamento di ogni sua possibile risorsa per la sopravvivenza che il Sistema ha costruito il mio benessere.

 

Ho aperto queste poche righe precisando che le notizie in merito a questi "fatti" sono frammentarie e ancora confuse, ma il Sistema come sappiamo ha una mano longa sugli organi di informazione e i Mass Media... Fate attenzione perché per gettare fumo nei vostri occhi vi racconteranno delle imminenti elezioni, di oscure trame politiche che vogliono mistificare e sfruttare l'accaduto...
Ma
il traffico d'organi è reale e ad alimentarlo siamo noi Occidentali, noi che abbiamo la superbia di voler sconfiggere la morte, indifferenti al prezzo di altre vite umane.

Flaminia P. Mancinelli



Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sabato, 23 Settembre 2017 04:05:38

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin