In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Ho camminato nel mondo con l’anima aperta

 

nobilianimacoverap
Le poesie di Nella Nobili tornano in libreria con il saggio curato da Maria Grazia Calandrone per l’editore Solferino. La sua vita, la sua tenacia e le sue sofferenze.











 

La voce sorprendente di Nella Nobili, grande poetessa, torna a noi con un’edizione scelta delle sue liriche più belle e commoventi curate da Maria Grazia Calandrone. Finalmente le sue poesie più belle tornano alla luce grazie alla scelta appassionata di una poetessa di oggi che in quei versi sofferti ha visto la cifra distintiva della più incisiva parola poetica.


La scrittura poetica è qualcosa di ineludibile, chiama in continuazione e non ci si può sottrarre. Anche a dispetto di un destino che sembra altrimenti segnato. Nata in una famiglia povera, lettrice appassionata fin da bambina ma costretta a lasciare gli studi per lavorare come operaia e contribuire così al sostentamento della famiglia, Nella Nobili percorre con nella-nobili determinazione per tutta la vita la strada della scrittura, elaborando una poesia di pura immediatezza e che parla al cuore, intensa e vivida. La timida ragazza della fabbrica fa scelte coraggiose: vive i suoi amori omosessuali in un’epoca che li rifiuta; lascia Roma e l’Italia proprio quando gli ambienti intellettuali cominciano ad accorgersi di lei, per il rifiuto di quell’etichetta di «poetessa operaia» che le hanno sbrigativamente cucito addosso.


Sola nel letto
col mio corpo nemico
chiusa nella mia stanza
sola con la mia paura e con la mia speranza
.”

Nella Nobili, Bologna 1940


Il mio desiderio era questo; diventare come l’aria
Passare fra i tuoi capelli, costruire anelli d’argento
Attorno ai tuoi fianchi, dissetare le tue labbra
Con la mia essenza.

Nella Nobili, Ciclo per Rossana


Non posso amare, mai, mai, mai. Piangi cuore, fino a scoppiare, gridate mani che vogliono accarezzare, piegati corpo che non puoi amare.



Il libro

nobilianimacoverap
Ho camminato nel mondo con l’anima aperta

Prezzo 17 euro
Pagine 272
Anno 2018

Solferino
Collana Narratori
In versione cartacea e digitale



 

Chi è Nella Nobili
È nata a Bologna nel 1926 e morta suicida in Francia nel 1985. Di umili origini, omosessuale, autodidatta per pura passione della poesia e della lettura ed esule per scelta, ha attraversato gli anni cruciali del Novecento da osservatrice in disparte ma attenta, pubblicando pochi libri e vivendo del suo lavoro.


Chi è Maria Grazia Calandrone
Nata a Milano è una poetessa, drammaturga, giornalista, artista visiva, autrice e conduttrice per Rai Radio 3 italiana. Vive a Roma e dal 2010 tiene a battesimo poeti esordienti, ritenuti meritevoli di pubblicazione, per la rivista internazionale Poesia, nella rubrica di inediti Cantiere Poesia. Scrive sul quotidiano Il Manifesto e su la 27ora del Corriere della Sera.
Dal 2010 scrive e conduce programmi culturali per Rai Radio 3. Ha collaborato con Unomattina Poesia (Rai 1), con Rai Cultura e Cult Book (Rai 3). Collabora da anni con l'attrice Sonia Bergamasco, per la quale ha composto i monologhi: La scimmia bianca dei miracoli e Pochi avvenimenti, felicità assoluta, lavoro dedicato alla memoria d'amore tra Robert e Clara Schumann e trasmesso in diretta dal Quirinale. Inviata dall'Istituto giapponese di cultura di Roma nelle città di Tokyo e Kyoto per il Premio Haiku in Italia, si innamora dell'essenzialità e dell'eleganza della cultura giapponese e ne traduce le istanze nella propria poesia.
Nel 2017 interpreta se stessa nel docufilm di Donatella Baglivo "Il futuro in una poesia" e nel progetto "Poems With a View" del regista israeliano Omri Lior ed è regista del ciclo di interviste “I volontari”, un documentario sull'accoglienza ai migranti e del videoreportage su Sarajevo "Viaggio in una guerra non finita", entrambi pubblicati da "Corriere TV".
La sua poesia è tradotta in molte lingue, tra le quali lo spagnolo e il francese.

 

 

 

 

Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Martedi, 17 Luglio 2018 13:47:43

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin