In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Come le mimose

 

 

cover-come-le-mimose
Sara, Birdie, Teresa e Natasha. Quattro storie raccontate da Ketty Carraffa dedicate alle vittime di ogni forma di violenza.







 

Da sempre impegnata sul fronte diritti civili, nel 2015 Ketty Carraffa ha pubblicato “Le donne, acqua nel deserto… Come le mimose”, edizioni La Serigrafica, dove affronta la violenza, in ogni forma. Tra le altre, anche la testimonianza di Teresa, la mamma di Andrea, il ragazzo che si è tolto la vita senza la sciare un messaggio, quello che il grande pubblico ha conosciuto come “Il ragazzo dai pantaloni rosa”.

Il racconto diretto di Storie, i contributi sui temi dell’Informazione, Musica, Sport e Comunicazione al femminile. L’unione delle singole forze per la costruzione di una società che ama le donne. Donne che si raccontano. Sara e Birdie come esempi che offrono a tutti noi una “ricetta”, per riflettere sulla condizione delle donne. Le Storie come parti delle innumerevoli palline del fiore della mimosa: un simbolo della vivacità e molteplicità delle personalità delle donne. Ricette di vita al “gusto di mimosa”, per rappresentare la voglia di cambiamento delle donne e della molteplicità della personalità femminile, sempre in movimento.
La condivisione e la solidarietà con le testimonianze di una mamma che ha perso suo figlio vittima del bullismo omofobo e Natasha, protagonista di una lunga, estenuante ma vincente lotta contro lo spettro dell’usura e della sopraffazione. Contro la violenza del branco e dell’avidità di uomini senza scrupoli.
Gli interventi degli “esperti”, della Comunicazione, Educazione, Informazione e Giustizia, per un punto di vista più ampio e per contribuire alla riflessione contro la VIOLENZA SULLE DONNE, (e quindi alla società intera) in ogni sua forma e anche in altre zone del mondo. Impariamo a difenderci e ad affrontare le avversità della vita, per conquistare consapevolezza e determinazione nella libertà.
La violenza sulle donne, dobbiamo sconfiggerla, tutti insieme e non solo il 14 febbraio, L’8 marzo o IL 25 novembre… Un esperimento “collettivo”, composto da tante voci che vogliono interpretare e capire, nella sfera dei propri mondi, la complessità delle forme di violenza imposte alle donne e alla loro identità. Un incentivo alla creazione e alla speranza di una nuova Società del Futuro, con il supporto della Musica e dello Sport al femminile. Del Progetto “Le donne, acqua nel deserto”, fanno parte integrante: la canzone “Io come gli angeli”, la condivisione della squadra femminile di calcio “Mimose” Turate e due ricette, una spirituale e una culinaria, dedicate alla Mimosa e alla positività delle donne, 365 giorni all’anno

Il libro è disponibile in formato cartaceo sui siti di vendita online.



Chi è Ketty Carraffa
Nata a Milano, Freelance dell’Informazione, docente e fotoreporter dal 1985 (Politica, Cinema e lotte delle donne). Realizza format radiotelevisivi. È stata collaboratrice volontaria del garibaldino di Spagna e Comandante partigiano Giovanni Pesce, dal 1990 al 2007 (organizzazione Viaggi della ketty-carraffaMemoria a livello internazionale) e sindacalista dal 2006 al 2014. Ha insegnato Cinema e Fotografia alle Civiche Scuole del Comune di Milano, dal 1992 al 2005. Ha cominciato la carriera di fotoreporter presso L'Unità, su Politica,  seguendo i concerti di Fabrizio De André e le situazioni di mancanza di diritti nel mondo, in particolar modo per la tutela dei diritti dei bambini e delle donne. Ha collaborato con gli Assessorati alla Cooperazione Internazionale, Comunicazione, Urbanistica, del Comune di Sesto San Giovanni, Consiglio Regionale Lombardia e della Provincia di Milano al 1998 al 2002. Ha realizzato numerosi documentari video, mostre, calendari fotografici e rassegne cinematografiche, legati a temi: sociale, lavoro e differenza di genere, quali ad esempio. “La condizione delle donne nel deserto del Sahara durante situazioni di guerra”.
Nel lavoro e nella vita ha colto l’importanza della Testimonianza e della Comunicazione, considerando: - il lavoro delle donne (in particolare), l’Informazione e l’Educazione alla “Memoria”, come fondamenti della democrazia da trasmettere alle nuove generazioni. Nel 2006 ha scritto: “Positivo??!!”, un saggio sul lavoro precario e maternità, nel 2012 è uscito il libretto con dvd: “Come Marilyn, da quando non c’è più - 50 anni tra lavoro e valore al femminile”, sulla condizione delle donne, negli ultimi 50 anni rispetto al “merito” e alla comunicazione di genere e il dvd “Quale contratto?”, sulla condizione dei lavoratori precari. (In qualità di Regista e Segretaria politica della categoria CGIL NIDIL). Ha realizzato tra gli altri, i documentari: “Frammenti di periferia”, dedicato alla condizione delle periferie di Milano nel 1985; (trasmesso in numerose tv private), “Cuba, que linda” nel 1992 e “Cuba que linda 10 anni dopo”, nel 2002. Nel 2011, ha realizzato la Mostra fotografica itinerante e il dvd, “Sguardi al femminile”.
L'8 marzo 2014 ha presentato a Palazzo Marino (sede del Comune di Milano) il libro e il documentario: “COME LE MIMOSE, LA R/ESISTENZA DELLE DONNE 365 GIORNI L’ANNO”, con il racconto di 7 Storie dedicate alle donne, alla discriminazione e al lavoro al femminile che non c'è...
L'8 marzo 2015 ha presentato in Regione Lombardia, il Progetto: “Le donne, acqua nel deserto”, con la produzione e direzione del videoclip “Io come gli angeli”, dedicato alle donne vittime di violenza e scritto per il Progetto stesso, di cui fa parte anche il libro omonimo (continuano le presentazioni e gli eventi collegati). È stata corrispondente radiofonica sulla condizione del lavoro delle donne in Italia e in America latina. Il 12 e 25 novembre 2015, ha organizzato due eventi legati alla Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne e realizzato il videoclip della canzone e cover di “Gracias a la vida”, (presso Palazzo Pirelli - Regione Lombardia e Legend Milano). È invitata a presentare le sue opere letterarie e fotografiche in svariati eventi culturali, con approfondimenti sui diritti umani. Nel 2016 e 2017, realizzazione e conduzione della trasmissione televisiva “Sguardi al Femminile”. (Talk con ospiti sui Diritti delle donne, 2016,  Donne e Lavoro, 2017, con racconti di Storie tratti dalle sue interviste, a donne vittime di violenza, con puntata speciale l'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna).  Realizza Corsi di Cinema per i Diritti Umani – Lezioni di Cinema dedicate alle icone femminili e in particolare a Marilyn Monroe, Mostre fotografiche itineranti con i sui scatti “Sguardi al femminile”, e le trasmissioni radiofoniche “Mimose Time” e “La domenica di Handy News”, dedicate ai Diritti delle donne e alla disabilità. È Presidente dell’Associazione “Memoria Storica - Giovanni Pesce”, cura il sito che ha creato www.memoriedispagna.org e continua con il messaggio di R/Esistenza delle donne. Ha ricevuto il premio “Donne che ce l'hanno fatta”, dal Congresso delle donne Latino Americane con il Patrocinio del Consiglio Parlamento Europeo. Dal 2011: OPINIONISTA TV (Mediaset – Rai– Antennatre  - Telelombardia – Lombardia TV - TeleNorba – RTB Brescia).  Blogger e conduttrice tv, con la rubrica anche in video “We are all Artemisia”. 

 

 

Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Domenica, 22 Ottobre 2017 23:02:36

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin