In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

 

logo Ala

n

 

Un prontuario per relazionarsi al meglio con persone transessuali e transgender nei luoghi di lavoro e socializzazione.


 

 

Transessualismo e buone prassi è stato realizzato con l'obiettivo di comunicare un’informazione preliminare su persone che hanno intrapreso un percorso di transizione tra il sesso anatomico di origine e quello finale che corrisponde al proprio sesso psicologico: persone che comunemente sono definite transessuali o transgender. Non vuole essere un´introduzione del transessualismo in senso lato, per il quale le persone interessate sono invitate a leggere altre pubblicazioni a riguardo, ma un prontuario di buone prassi per relazionarsi al meglio con persone transessuali e transgender nei luoghi di lavoro e socializzazione in genere, per favorire un clima sereno, solidale, migliorare i rapporti in termini di apertura in modo che diventino un´opportunità di crescita reciproca.

Ecco un esempio delle informazioni contenute nel documento. Per una persona transessuale non ancora riassegnata chirurgicamente o per una persona transgender, la scelta dell’utilizzo dei bagni è spesso fonte di discriminazione e umiliazione ed anche le Aziende si trovano in difficoltà di fronte a questa problematica.

Salvo che non si disponga già di servizi igienici unisex, la scelta ottimale – nel rispetto della dignità della persona transessuale o transgender è: l’utilizzo dei bagni femminili per una transessuale “Maschio transizionante Femmina”(MtF). l’utilizzo dei bagni maschili per un transessuale “Femmina transizionante Maschio” (FtM). 

Costringere infatti una transessuale di aspetto femminile (MtF) all’utilizzo di servizi igienici maschili la espone al rischio potenziale di “attenzioni” non gradite. D’altra parte, la presenza di un transessuale di aspetto maschile (FtM) all’interno di servizi igienici femminili non sarà di certo gradita dal genere femminile tanto quanto la presenza di qualsiasi altro uomo.Arcobaleni Inmarcia

Il documento è stato realizzato da Sportello Trans Ala Milano Onlus in collaborazione con il gruppo Arcobaleni Inmarcia e dalla grafica Simona Savoldi Pol. Il gruppo Arcobaleni in marcia si impegna attivamente per il superamento della transfobia, dell’omofobia e verso tutte le forme di discriminazione.

E' possibile scaricare Transessualismo e buone prassi dal sito dell'associazione oppure direttamente cliccando sul pdf sottostante
M.Z.    

                                                        

 pdf
(clicca sull'icona sovrastante
per leggere/scaricare il rapporto)


                                                           

                                                                       


Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Lunedi, 18 Dicembre 2017 21:23:34

Esegui Login o registrati




Siamo qui grazie a:
AGISLAB-MI 1
vai



Cerca

This Web Site can be translated to your language:

Iscriviti alla nostra newsletter

 


Save the Children
save-the-children 
Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 
FacebookTwitterLinkedin